Giovedì 9 giugno presso il Gran Hotel Tiziano di Lecce, Piernicola Leone de Castris e l’enologo Matteo Esposito con il supporto dell’impeccabile gruppo di sommelier dell’AIS Lecce, hanno guidato una gremita platea di professionisti, ricercatori, appassionati del vino in un viaggio nel tempo, alla scoperta della Malvasia. La Malvasia Bianca, un vitigno definito “viaggiatore” per la sua abilità ad adattarsi in diversi contesti territoriali, mostra da sempre di prediligere il terroir salentino, che li permette di esprimere al massimo le sue peculiarità. Questo il motivo principale che ha spinto l’azienda nel 2006 a impiantare vigneti di Malvasia per produrre il Donna Lisa Bianco, un vino bianco di punta della gamma Leone de Castris originariamente prodotto con uve Chardonnay. Secondo Piernicola Leone de Castris infatti “la scelta di puntare su un vitigno autoctono al posto di un vitigno internazionale come lo Chardonnay, pur essendo una scelta azzardata a livello commerciale, rappresentava senza dubbio una scelta più coerente con la filosofia produttiva dell’azienda, che da sempre lavora per valorizzare i vitigni autoctoni e produrre vini che ne siano una fedele rappresentazione”. La degustazione, guidata con maestria dallo stile narrativo dettagliato e coinvolgente di Fabrizio Miccoli ha preso il via con l’annata del Donna Lisa 2020 ancora in affinamento e nel pieno dell’evoluzione della struttura, per proseguire con l’attuale pluripremiata annata in commercio, la 2019,vincitrice del Premio Tastevin AIS 2022 grazie al suo complesso patrimonio aromatico, a seguire l’annata 2013 e la 2006, che hanno permesso di constatare il potenziale del vitigno capace di sorprendere ancora per freschezza e vitalità. I presenti hanno potuto degustare anche due straordinarie performance del Negroamaro, capace di distinguersi anche nella versione spumante con il Five Roses Anniversario Metodo Classico nelle annate 2013 e 2017 ed, infine, degustare in anteprima l’ultima creazione: Saliscendi, un Gioia Del Colle Primitivo Riserva Doc 2019 dai vigneti di Masseria Donna Coletta a Noci (BA), dove l’azienda ha intrapreso l’ennesima avventura enoica. Il Donna Lisa sarà di nuovo sotto i riflettori venerdì 16 giugno per rappresentare la Puglia ad un altro evento di AIS Puglia “Tastevin in Tastevin. Giro per le Eccellenze d’Italia”. Una grande soddisfazione per un vino bianco da uve Malvasia che continua a dimostrare di essere un degno portavoce del terroir salentino e un’autentica eccellenza vinicola.